La Trinità del Male e l’Anticristo

Fünftes Siegel (gemalt von Clara Rettich), Tafel XII
Il 5° Sigillo Apocalittico dei Rosacroce: la Donna Vestita di Sole che sconfigge il Drago a 7 Teste.

Abbiamo già parlato della Santissima Trinità e dei Tre Logoi. Tratteremo qui l’argomento della Trinità del Male, la quale può essere ben compresa solo in relazione alla Santissima Trinità. Il Segreto del Male è uno dei 7 Ineffabili Segreti dell’Occulto, in particolare è il 5° Segreto e dunque è spiritualmente legato alla missione della 5° Era Post-Atlantica, nel suo insieme, in cui ancora ci troviamo, e, in senso più preciso alla missione della 5° Epoca di Cultura Post-Atlantica, quella cosiddetta Europea, l’Era dei Pesci .

Fu questo il compito che Steiner doveva assolvere dando all’Europa ed al mondo occidentale la conoscenza oggettiva del Mistero della Dualità del Male, di Lucifero ed Ahriman, e del Cristo al centro. Tuttavia, già a quel tempo, Steiner parlò anche di altri Spiriti dell’Ostacolo, in particolare degli Asura, che avrebbero agito sopratutto a partire dalla successiva Epoca di Cultura e di Sorath, il Demone Solare.  Così, all’avvicinarsi della 6° Epoca di Cultura, il discorso sull’esistenza oggettiva del Male non può più limitarsi a Lucifero e Ahriman ma deve necessariamente comprendere anche gli Asura nonché Sorath. Insieme formano la Trinità del Male.

Il seguente scritto si propone dunque di essere un approfondimento sulla conoscenza del Segreto del Male nonché di quegli Spiriti dell’Ostacolo che del Male rappresentano le varie dimensioni. Per esplorare questo Segreto ci varremo del potente metodo della Scienza dello Spirito, applicandolo sia all’Antroposofia che alla Cabala Ermetica, le due branche dell’esoterismo occidentale che di più hanno penetrato questo questo 5° Segreto Ineffabile  al cui disvelamento è chiamata la nostra 5° Era Post-Atlantica. Conoscere i molti nomi di questi Ostacolatori è ricondurre le loro potenze al centro di coscienza dell’Io e dunque avere la possibilità di lavorare alla loro redenzione.

Per approfondire questo argomento potete leggere I 3 Logoi della Santissima Trinità

Devo però dare un avviso, affinché non si possano creare equivoci: questo studio non ha la benché minima pretesa di “spiegare” il Mistero della Trinità del Male e le sue relazioni con la Santissima Trinità. Tutt’altro. L’intento di questo studio scientifico-spirituale è “dispiegare” le relazioni tra la Trinità e la Trinità del Male, così da fornire una mappa di relazioni attraverso cui orientarsi. La Santissima Trinità è il più grandioso e sacro mistero di cui l’uomo sia testimone: proprio per questo è doveroso divenirne coscienti.

Allo stesso modo è necessario per l’uomo divenire coscienti della natura e dell’opera degli Spiriti dell’Ostacolo. Questo studio dimostrerà infatti che la concezione antroposofica della Santissima Trinità e della Trinità del Male apre orizzonti sconfinati al ricercatore spirituale che ne indaghi l’essenza e la manifestazione, fornendo anche strumenti per conoscere il Male affrontarlo ed eventualmente redimerlo. Come ogni altro studio presente su questo blog, possono esservi imprecisioni ed errori che sarò lieto di discutere, modificare e correggere.

La Trinità del Male

La Trinità del Male si contrappone alla Trinità, ma mentre Padre, Figlio, Spirito Santo esistono anche nell’Eternità; Asura, Arimane e Lucifero esistono solo nella sfera dell’evoluzione e dunque verrano in una qualche misura rendenti dall’agire spirituale umano. Solo Sorath, il demone solare, esiste fuori del tempo e dello spazio.

Possiamo considerare la Trinità del Male come l’ombra della Trinità: la Trinità è esprimibile come 3, ovvero la somma delle tre Persone nell’Uno = 111. Siccome ognuna delle tre Persone si relazione con se stessa e con le altre due Persone, si arriva a 3 volte le tre Persone = 333. Il 333 è dunque il numero delle relazioni interne alla Trinità nell’Eternità. La somma di tre volte tre è 9, il numero della costituzione occulta dell’uomo (triplice corpo, triplice anima, triplice spirito) e dei cori angelici, gli agenti della Trinità (Padre: Prima Gerarchia, Figlio: Seconda Gerarchia, Spirito Santo: Terza Gerarchia). Se moltiplichiamo il 3 di ognuna delle Persone della Trinità per i 3 cori angelici loro tramite, otteniamo 999, che è il contrario di 666 il numero della Bestia. Dunque se attraverso il 999 la Trinità si manifesta nell’evoluzione, così come l’uomo procede nell’evoluzione; nel 666 avviene il suo opposto e dunque l’uomo procede nell’involuzione sotto il numero dell’Anticristo.

Il 666 può essere considerato il numero della Trinità del Male (Asura-Ahriman-Lucifero), ovvero il rovesciamento del quadrato perfetto della Trinità 333. Nell’ambito dell’evoluzione Asura è il Padre rovesciato (corpo), Ahriman è il Figlio rovesciato (anima), Lucifero è lo Spirito Santo rovesciato (spirito). Ma nell’ambito dell’Eternità  sono un unico essere l’Anti-Dio, chiamato Sorath il demone solare e anticristo per antonomasia. Ma non solo: il 666 è anche una precisa indicazione di una serie di stadi evolutivi della Terra: alla sesta metamorfosi, sesta condizione di vita e sesta condizione di forma della Terra (666) si compirà il grande sbarramento: sarà completa la separazione definitiva della catena planetaria della Terra da quella alternativa governata dalle potenze dell’ostacolo (luciferiche, arimaniche, asuriche e l’anticristo Sorath), l’Ottava Sfera. L’umanità evoluta avrà redento il male e sarà libera di procedere nell’evoluzione fino a raggiungere lo stadio divino. Il resto dell’umanità non è ormai più umano, è intrappolato nell’Ottava Sfera e verrà condotto verso un’evoluzione tra i cori delle potenze dell’ostacolo asuriche, arimaniche o luciferiche.

Per comprendere il mistero della Caduta degli Angeli, dobbiamo comprendere come essi possiedano sì anima e spirito, ma il loro Io auto-cosciente è in stretta connessione con la Trinità. Sono auto-coscienti ma la loro coscienza è tutt’uno con Dio nelle sue tre Persone. La Prima Gerarchia nel Padre, la Seconda nel Figlio e la Terza nello Spirito Santo. A differenza di noi esseri umani, che con il nostro Io possiamo avere coscienza di noi stessi e dunque la libertà, gli angeli eseguono i compiti evolutivi assegnati loro da Dio. Se intenti a svolgere il loro compito dimenticano di essere emanazioni divine, la loro luce si spegne in tenebra. Divengono così angeli caduti, precipitano nelle schiere dei tre Ostacolatori. Parimenti, nelle dottrine gnostiche, gli Eoni, emanazioni evolutive del Dio del Profondo, divengono Arconti, carcerieri della Creazione. Rimangono indietro, continuando a eseguire i loro compiti originari ma senza mai evolvere: in altre parole portano impulsi disarmonici rispetto al ritmo del tempo e spazio nell’evoluzione, in anticipo o in ritardo. Tale è il Male, un bene fuori posto, nel tempo e nello spazio, una separazione dalla corrente dell’evoluzione spirituale che è Dio.

La Trinità del Male è quindi la contraffazione della Santissima Trinità. È la triplice radice del Dubbio, dell’Odio e della Paura. È formata dai tre principali Angeli Caduti e le loro schiere:

Lucifero, l’arcangelo che rimase indietro durante la metamorfosi dell’Antica Luna, portandosi con sé coloro che passavano lo stadio di Angeli ed ora Spiriti Luciferici. Egli era lo spirito che presiedeva alle antiche iniziazioni che avevano come motto “Conosci te stesso”: nella corrente ermetica, orfica e gnostica. Decadde quando la conoscenza del mondo spirituale s’affievolì per effetto del materialismo di Ahriman. Ma egli, che dopo il Mistero del Golgotha, ha cominciato la sua redenzione verso le Altezze insieme al Cristo, il vero Lucifero, ha lasciato il posto al suo doppio inferiore: Lucifugo. Egli è lo spirito dell’egoismo. Abita i primi tre strati della Terra, con le sue bolge si oppone all’azione dello Spirito Santo, trasformando la Saggezza in Ignoranza agendo così sul corpo astrale umano, facendo decadere le virtù in vizi. È l’aspetto negativo di Urano. Con la sua intelligenza caduta governa nel reame della natura infera l’elettricità, luce oscura;

Ahriman, il principato che rimase indietro durante l’Antico Sole, portandosi con sé coloro che allora erano Arcangeli ed ora Spiriti Arimanici. Così chiamato da Zarathustra, che per primo lo sperimentò in opposizione al gemello Ahura Mazdao, il dio della luce, prefigurazione del Cristo. Egli è lo spirito del materialismo. Abita i secondi tre strati della Terra, con le sue bolge si oppone all’azione del Figlio, trasformando l’Amore in Fanatismo agendo così sul corpo eterico umano, facendo divenire la vita morte. È l’aspetto negativo di Nettuno. Con la sua intelligenza caduta governa il magnetismo, suono intrappolato;

Giungiamo ora a quello spirito, una potestà, che rimase indietro durante l’Antico Saturno, portando con sé coloro che allora erano Principati ed ora Spiriti Asurici. Steiner non ci fa il suo nome, ma seguendo le attribuzioni cabalistiche, esso appartiene all’inverso della Sfera di Kether, ovvero Thaumiel, di cui un Arcidiavolo è Moloch, in altri testi antroposofici si trova come Azura o Asur, che dunque considereremo come equivalenti di Moloch.

A questo proposito, per comprendere ulteriormente la natura degli Spiriti dell’Ostacolo, è possibile approfondire l’argomento illuminando la saggezza della Cabala per mezzo della Scienza dello Spirito. Si veda per esempio il confronto tra Cabala e Antroposofia, nonché il libro “Cabala e Antroposofia”.

Moloch è connesso agli dei del fuoco, come gli Asura dei Veda. Nella tradizione indù è chiamato Rahu, il Caput Draconis dell’astrologia, bevve l’amrita il nettare degli dei ma, prima di ingoiarlo, il dio del Sole e della Luna lo scoprirono così che fu decapitato da Vishnu. Tagliata la testa, Rahu divenne immortale e giurò vendetta agli dei del Sole e della Luna che inghiotte nelle eclissi per infettare la Terra con i suoi influssi. Moloch è lo spirito del nichilismo. Abita gli ultimi tre strati della Terra, con i suoi angeli caduti si oppone all’azione del Padre, trasformando la Potenza in Ambizione agendo così sul corpo fisico umano, annichilendo lo spirito nella materia. È l’aspetto negativo di Plutone. Con la sua intelligenza caduta governa la forza nucleare, vita inversa.

La Trinità del Male si contrappone quindi alla Trinità, ma mentre Padre, Figlio, Spirito Santo esistono anche nell’Eternità; Asur-Moloch, Ahriman e Lucifero esistono solo nella sfera dell’evoluzione e dunque verrano in una qualche misura rendenti dall’agire spirituale umano. Solo Sorath, il demone solare, esiste fuori del tempo e dello spazio.

Demoni, Spettri e Fantasmi

Ciò che chiamiamo Demoni, Spettri e Fantasmi hanno una relazione con l’attività delle Entità dello Ostacolo nei corpi astrale, eterico e fisico. Infatti quando durante il sonno il corpo astrale e l’Io fuoriescono dal corpo fisico ed eterico, alcuni esseri spirituali delle Gerarchie entrano nel corpo fisico ed eterico, per procedere con la guarigione, e compenetrano l’astrale, intessendovi i sogni. Tuttavia l’attività dell’uomo può interferire con questo processo di riparazione dell’eterico e del fisico, così come nell’attività onirica del corpo astrale. In particolare è la moralità umana che interferisce con la loro attività spirituale: nel corpo astrale vi si trovano teorie errate mentre nel nel corpo eterico tendenze antisociali.

Tutto ciò che è menzogna nel mondo fisico, in generale, equivale ad un omicidio nei mondi sovrasensibili. Così, queste varie forme di menzogne sono in grado di “ferire” i corpi corrispondenti degli esseri spirituali che agiscono per noi durante il sonno.  È come se durante il sonno nei corpi rimassero degli “uncini” in grado di strappare parti dei corpi sottili degli angeli. L’unione della menzogna con parte dei corpi sottili dell’uomo genera tre tipologie di esseri irregolari. In altre parole potremmo dire che sono immagini dei corpi fisico, eterico ed astrale legate alla sfera terrestre che non si dissolvono regolarmente a causa delle illusioni del materialismo, consumismo, ateismo, nichilismo che sono inscindibilmente legati, essendo di fatto forme di Magia Nera. Vengono riempite da Spiriti dell’Ostacolo.

  • Demoni: i demoni sono corpi astrali riempiti da spiriti luciferici, creati dall’egoismo, dalla prevaricazione mentale e dalle bugie;
  • Spettri: corpi eterici riempiti da spiriti arimanici, creati dal materialismo e dal consumismo, dalle leggi umane che non rispettano i principi vitali;
  • Fantasmi: involucri fisici (ma non materiali) riempiti da spiriti asurici, creati dall’ateismo e dal nichilismo.

Ognuna di queste entità irregolari possono essere dissolte per mezzo della rettificazione nei rispettivi corpi, secondo la legge spirituale per cui il simile scioglie il simile su cui si basa anche l’omeopatia.

In un certo senso sono i Doppi degli spiriti dei defunti, così come pezzi dei corpi fisico, eterico, astrale che vengono strappati dagli spiriti dell’ostacolo durante momenti di incoscienza, sonno, l’oblio. Lo stesso può accadere a elementali decaduti che dunque divengono veicolo per gli spiriti dell’ostacolo. Costituiranno i futuri abitanti dell’Ottava Sfera, cioè gli anti-elementali, i tre Regni della Subnatura, nonché i corpi degli Uomini-Bestia, gli esseri umani rimasti indietro nella Futura Venere, al momento del 666, la 6° Metamorfosi, 6° Condizione di Vita e 6° Condizione di Forma.

Ottava Sfera e Albero della Morte

In sintesi possiamo dividere tanto l’Albero della Morte che le viscere della Terra secondo la Trinità del Male e dunque l’attività degli ostacolatori nelle viscere della Terra rappresenta il primo tentativo di differenziare l’Ottava Sfera a partire dall’essere della Terra. Qui potete vedere la suddivisione dei 9 Strati Interni della Terra.

Steiner ci dice a proposito di questo:

Abbiamo il mondo fisico, il mondo astrale e il Devachan Inferiore e il Devachan Superiore. Se il corpo viene spinto giù più in basso perfino del mondo fisico, giunge al mondo sub-fisico, il mondo astrale inferiore, il Devachan Inferiore malvagio, e il Devachan Superiore malvagio. Il mondo astrale malvagio è il regno di Lucifero, il Devachan Inferiore Malvagio è il regno di Ahriman e il Devachan Superiore malvagio è il regno degli Asura. Quando l’azione chimica viene condotta giù al si sotto del piano fisico – nel Devachan malvagio – sorge il magnetismo. Quando la luce viene spinta nel mondo sub-materiale – vale a dire, a uno stadio più in basso del mondo materiale – sorge l’elettricità. Se ciò che vive nell’Armonia delle Sfere viene spinto ancora più giù, nel regno degli Asura, una forza ancora più terribile – che non sarà possibile mantenere nascosta ancora a lungo – verrà generata. Si può solo sperare che quando questa forza verrà conosciuta – una forza che noi dobbiamo concepire come più potente, molto più potente della più potente scarica elettrica – si può solo sperare che prima che qualche scopritore dia questa forza nelle mani dell’umanità, l’uomo non avrà più nulla di immorale rimasto in lui. 

Questa conferenza, tenuta nel 1911, anticipa di 34 anni ai tragici eventi di Hiroshima e Nagasaki. Lasciamo al lettore di meditare su quanto riferito da Steiner e su quanto ci accingiamo a descrivere degli strati interni della Terra.

Descriviamo ora i regni di Lucifero, Ahriman e degli Asura in relazione all’evoluzione cosmica passata. Per approfondimenti su questi argomenti, si vedano a questo proposito anche i 9 Cori Angelici e i 9 Strati della Terra nonché le 7 Metamorfosi della Terra e i 7 Giorni della Creazione.

Lucifero

Lucifero vuole impossessarsi dell’Io per rimuoverlo dal mondo materiale, abbandonando così tutto ciò che è fisico alle altre Gerarchie dell’Ostacolo. Governa i fossili dell’attività dell’Antica Luna, quando si ribellò e prese con sé le schiere angeliche:

  • Orbita della Luna, Terra Minerale, -1 Lilith/-2 Gamaliel, Angeli decaduti;
  • Orbita di Mercurio, Terra Fluida, -3 Samael, Arcangeli decaduti;
  • Orbita di Venere, Terra Aerea, -4 Harab Zaraq, Archai decaduti;

Si tratta essenzialmente della contro-immagine del Mondo Astrale, che cabalisticamente è il Mondo della Formazione (Yetzirah).

Ahriman

Ahriman mira a possedere l’Io per se stesso, privando gli esseri umani che diverranno i suoi schiavi, come perfetti automi. In questo modo potrà soffocare la luce del Cristo ed estendere il suo Regno di Tenebra, ovvero il Mondo della Materia. Governa i fossili dell’attività dell’Antico Sole quando si ribellò e prese con sé le schiere arcangeliche:

  • Orbita del Sole, Terra Forma, -5 Thagirion, Elohim decaduti;
  • Orbita di Marte, Terra Fruttifera, -6 Golachab, Virtù decadute;
  • Orbita di Giove, Terra Ignea, -7 Gha Agsheblah, Dominazioni decadute;

Si tratta essenzialmente della contro-immagine del Mondo Mentale Inferiore o Mondo del Pensiero (Devachan Inferiore), che cabalisticamente è il Mondo della Creazione (Briah).

Asur o Moloch

Gli asura mirano a legare l’Io al corpo fisico per renderlo mortale e poi distruggerlo. I frammenti dell’Io diverranno nutrimento per il cuore dell’Ottava Sfera. Governa i fossili dell’attività dell’Antico Saturno quando si ribellò e prese con sé le schiere degli Archai:

  • Orbita di Saturno, Specchio della Terra, -8 Sathariel, Troni decaduti;
  • Cielo Stellato e Zodiaco, Frantumatore, -9 Ghogiel, Cherubini decaduti;
  • Primo Mobile o Cristallino, Seme della Terra, -10/-11 Thaumiel, Serafini decaduti.

Si tratta essenzialmente della contro-immagine del Mondo Mentale Superiore o Mondo della Ragione, che cabalisticamente è il Mondo degli Archetipi (Atziluth). In un certo senso, dovremmo considerare la parte superiore di questo mondo cabalistico come quello successivo, il Mondo Buddhico.

Da questa sistemazione deriva che gli Arcidiavoli associati alle Qliphoth possono essere classificati secondo le tre gerarchie di Spiriti dell’Ostacolo:

  1. Spiriti Luciferici, doppio della Terza Gerarchia: Lilith e Nehema, Addramelech, Baal;
  2. Spiriti Arimanici, doppio della Seconda Gerarchia: Belphagor, Asmodeo, Astaroth;
  3. Spiriti Asurici, doppio della Prima Gerarchia: Lucifugo, Beelzebub, Satana e Moloch.

Queste sono le Sfere Subnaturali, della sotto natura, la Natura decaduta. Sono le stesse che formeranno gli organi dell’Ottava Sfera, intesa come essere planetario formato da quanto viene rubato alla metamorfosi operata dal Cristo nella dimensione Luciferica e Arimanica (e Asurica) della Terra.

Di converso possiamo vedere come gli strati della Terra siano collegati all’originaria attività della Trinità nelle passate Metamorfosi della Terra:

  1. Antica Luna – Spirito Santo: da -2 a -4 dove risiedono le forze  contro-iniziatiche dell’anti-Spirito Santo come contro-forze astrali per mezzo dell’inversione del Cosmo di Saggezza dell’Antica Luna;
  2. Antico Sole – Figlio: da -5 a -7 dove risiedono le forze contro-iniziatiche dell’anti-Figlio come contro-forze eteriche per mezzo dell’inversione del Cosmo di Luce dell’Antico Sole;
  3. Antico Saturno – Padre: da -8 a -10/-11 dove risiedono le forze contro-iniziatiche dell’anti-Padre come contro-forze fisiche per mezzo dell’inversione del Cosmo di Volontà dell’Antico Saturno;
  4. Terra attuale – Cristo: -12 dove risiedono le forze contro-iniziatiche dell’anti-Cristo come contro-forze dell’Io per mezzo dell’inversione del Mistero del Golgotha a metà della metamorfosi della Terra.

Per coloro che stessero concependo l’Albero della Vita come speculare e completamente opposto all’Albero della Morte, è bene subito dire che ciò non è una rappresentazione adeguata, in quanto l’Albero della Vita è quadruplice, consistendo della conflazione dei 4 Alberi della Vita nei 4 Mondi Cabalistici, mentre l’Albero della Morte è “monodimensionale”, ovvero si estende in sono uno di questi mondi che in sintesi è la contro-immagine del Mondo dell’Azione di Assiah e, solo attraverso questo, dei mondi superiori. Vi sono inoltre i Tre Veli di Vita Negativa, di cui solo l’Ain, il Nulla, tange l’Albero della Morte. Si veda il paragrafo “I Mondi della Cabala” per uno schema completo. Anche in questo caso il concetto dualistico assoluto viene smentito.

In un certo senso, possiamo dire che l’Albero della Morte è il Malkuth dell’Albero della Vita nei 4 Mondi Cabalistici, essendo il prodotto di una Caduta primigenia quando i primi spiriti dell’ostacolo vennero a ingenerarsi. Tale evento, cabalisticamente è descritto come la “Rottura dei Vasi”, mentre in antroposofia è descritto come il “Rifiuto del Sacrificio dei Troni” da parte di alcuni Cherubini durante l’Antico Saturno. Quest’anomalia nel processo di manifestazione permise l’introduzione dell’evento del Male, inteso come necessario all’evoluzione.

Le Colonne Invertite

Così come l’Albero della Morte è costituto dalle Qliphoth, l’inversione delle Sephiroth, anche le Colonne sono invertite sprofondando dalla superficie Terra in Malkuth fino al Centro della Terra:

  1. Colonna della Coercizione, quale inversione di Jakin, Colonna della Forza. Dove in Jakin discende la Vita Divina permea tutto ciò che esiste formando la Vita Cosmica, nella Colonna della Coercizione la vita viene dissacrata venendo bloccata nel suo flusso a formare ingorghi, complessi autoreferenziali che contribuiscono alla degenerazione della Creazione;
  2. Colonna della Compulsione, quale inversione di Boaz, Colonna della Forma. Dove in Boaz le Forme della Creazione nascono alla loro missione quando infuse dalla Vita Divina, nella Colonna della Compulsione le forme che prendono vita nascono per distruggere il piano divino dell’evoluzione;
  3. Colonna della Condanna o Schiavitù, quale inversione della Colonna dell’Equilibrio. Dove nella Colonna dell’Equilibrio l’uomo ascende a divenire la Decima Gerarchia, gli Spiriti della Libertà, nella Colonna della Condanna, l’uomo condanna il suo Spirito all’inesistenza, compiendo il peccato imperdonabile contro lo Spirito Santo.

Le Qliphoth sono così ripartite:

  1. Colonna della Coercizione: -4 Harab Zaraq, – 7 Gha Agsheblah, -9 Ghogiel;
  2. Colonna della Compulsione: -3 Samael, -6 Golachab, -8 Sathariel;
  3. Colonna della Condanna: -1 Lilith, -2 Gamaliel, -5 Thagirion, -10/-11 Thaumiel, -12 Belial.

In un certo senso, Lucifero e Ahriman corrispondono alle due Colonne invertite:

  1. La Colonna della Coercizione può essere associata a Lucifero, come dissoluzione dell’individualità nella vita istintuale. Prende anche il nome di Leviathan, il serpente marino che si erge nell’Aria. Possiede 7 teste e 10 corna che sono le Qliphoth;
  2. La Colonna della Compulsione ad Ahriman, come irrigidimento e morte nella forma. Prende anche il nome di Behemoth, la bestia della Terra e del Fuoco, che rappresenta la sintesi di tutte le ombre degli spiriti dei 12 Segni Zodiacali.

L’Anticristo

Steiner descrive come “Satana” non sia un nome, quanto un titolo che viene dato nel corso dell’evoluzione spirituale al capo degli Ostacolatori che più agisce in quella particolare epoca di cultura. 3000 prima del Cristo, Lucifero era Satana, in quanto incarnandosi nell’Imperatore Giallo della Cina, Huang Di, fu il primo a sistematizzare conoscenze esoteriche in forma scritta. Successivamente, al tempo del Cristo, Ahriman divenne Satana, essendo il suo impulso materialistico non subito spiritualizzabile, bensì possibile solo per mezzo dell’uomo che si faccia portatore del Cristo. Ne consegue che il prossimo a divenire Satana sarà il capo degli spiriti asurici, Moloch, quando questi soppianteranno gli spiriti arimanici.

Tuttavia esiste anche un Satana dei Satana, l’Arcidiavolo Satana per l’appunto, identificabile come il vero primo e ultimo Avversario del Cristo e dunque dell’uomo: egli è il Demonio Solare, il cui nome è Sorath, l’Anticristo. Egli risiede nella metà oscura di Thaumiel. si oppone al Principio del Cristo al di fuori della corrente del tempo, agendo però per mezzo della Trinità del Male di Lucifugo, Beelzebub-Ahriman e Moloch.

Il ritmo di tempo in cui Sorath agisce per mezzo della Trinità del Male è il 666, il numero della Bestia. Il 666 può essere considerato il rovesciamento del quadrato perfetto della Trinità 333. Nell’ambito dell’evoluzione Moloch (Asura) è il Padre rovesciato (corpo), Beelzebub (Ahriman) è il Figlio rovesciato (anima), Lucifugo (Lucifero irredento) è lo Spirito Santo rovesciato (spirito). Ma nell’ambito dell’Eternità sono un unico essere l’Anti-Dio, chiamato Sorath il demonio solare e Anticristo per antonomasia. Ma non solo: il 666 è anche una precisa indicazione di una serie di stadi evolutivi della Terra: alla sesta metamorfosi, sesta condizione di vita e sesta condizione di forma della Terra (666) si compirà il grande sbarramento: sarà completa la separazione definitiva della catena planetaria della Terra da quella alternativa governata dalle potenze dell’ostacolo (luciferiche, arimaniche, asuriche e l’anticristo Sorath), l’Ottava Sfera. L’umanità evoluta avrà redento il male e sarà libera di procedere nell’evoluzione fino a raggiungere lo stadio divino. Il resto dell’umanità non è ormai più umano, è intrappolato nell’Ottava Sfera e verrà condotto verso un’evoluzione tra i cori delle potenze dell’ostacolo asuriche, arimaniche o luciferiche.

Annunci

4 risposte a "La Trinità del Male e l’Anticristo"

  1. Anche quello che chiamano attualmente “Lo Sfidante” sarebbe un antagonista del Bene?
    E perchè sono sempre contrapposti bene e male? se il dualismo non fosse affatto reale ma fossero compenetrati?

    1. L’Antroposofia non contrappone mai bene e male, ma pone sempre un terzo principio di superamento. Al fine di formulare domande al riguardo della scienza dello Spirito è necessario conoscerne le basi, le quali si trovano nei testi: Teosofia, Iniziazione e Scienza Occulta.

  2. …come mai proprio il 6 febbraio hai deciso di scrivere qualcosa sul male?qualche collegamento con il numero o il mese….?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...